17° FotoViaggio

 

Riserva naturale “Stagni di Lungavilla” si trova tra i torrenti Coppa e Staffora nel comune di Lungavilla in Oltrepò Pavese. E comprendono tre laghetti. fondata nel 1984, è considerato uno dei Parchi Locali ‘storici’ nell´ambito della nostra Regione.

sito- https://www.foto71.it

Facebook- https://www.facebook.com/FOTO71.IT/

Instegram- https://www.instagram.com/villafrance…

sostieni il canale dona Paypal – https://www.paypal.com/paypalme/foto71

16° FotoViaggio

il sito Oasi sant’Alessio 

 

 

L’Oasi iniziò a nascere nel 1973, quando Antonia e Harry Salamon acquistarono il castello di Sant’Alessio e quel poco di terra che gli sta intorno tuttora.

A parte la passione, un po’ scientifica e un po’ sentimentale per l’architettura medievale, c’era il progetto, accarezzato dall’infanzie e dall’infanzia preparato, di creare un allevamento di specie in pericolo, per ripopolarne la natura.

Antonia e Harry avevano una preparazione scientifica e una cultura liberale e pragmatica. Conoscevano la situazione della natura -in Italia e non solo- ed erano convinti che, per salvarne il salvabile, l’uomo dovesse darsi da fare.

La terra acquistata era un grande campo di erba medica. Non c’era un solo albero, un maleodorante rigagnolo -chiamarlo fogna sarebbe fargli un complimento- la attraversava tutta. Quel che oggi si vede è stato tutto costruito dopo.

Non avevano tenuto conto, per giovanile ingenuità, che una piccolissima ma determinata parte dell’umanità si stava costruendo una specie di religione ambientale, fatta di conoscenze naturalistiche poco masticate -per esempio la convinzione che la natura sarebbe in un equilibrio distrutto dalla specie umana-di ignoranza dell’irreversibilità delle alterazioni compiute, di ossessione per la propria salute, di masochistico odio per l’umanità e per le sue conquiste, di ignoranza di ciò che era la vita umana solo un paio di generazioni or sono, il tutto condito da una buona dose di intolleranza e fomentato, già allora, dalla burocrazia (che voleva appropriarsi del nascente settore) e da un associazionismo assetato di soldi e di potere e cui formicolavano le mani dalla voglia di farsi parte politica.  segui a leggere

15° FotoViaggio

 

15° FotoViaggio In questa giornata visiterò il Parco le Folaghe, un tragitto di 52 km passando per il ponte Gerola

Il PLIS “Le Folaghe”, sito in Casei Gerola (PV) e riconosciuto dal 1999, comprende alcune cave, alimentate da acqua di falda, frutto dell’attività estrattiva dell’argilla che hanno progressivamente assunto caratteristiche di naturalità http://www.parcolefolaghe.it/index.asp

 

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Ponte della Gerola Balossa Bigli – Ponte sul Il ponte della Gerola visto da nord Localizzazione Stato Italia Italia Città Mezzana Bigli – Cornale Coordinate 45°03′36.25″N 8°54′20.09″ECoordinate: 45°03′36.25″N 8°54′20.09″E (Mappa) Dati tecnici Tipo ponte ad arco Materiale ferro Realizzazione Costruzione 1913-1916 Mappa di localizzazione Wikimedia | © OpenStreetMap Modifica dati su Wikidata · Manuale Il ponte della Gerola, noto anche come “ponte di Mezzana Bigli” o “ponte di Cornale”, è un ponte in ferro con otto campate ad arco che varca il fiume Po in provincia di Pavia. Si trova lungo la strada provinciale 206 “Voghera-Novara” e collega i comuni di Mezzana Bigli (nella Lomellina) e di Cornale e Bastida (nell’Oltrepò pavese). Prende il nome dalla frazione Geròla nel comune di Casei Gerola, situata poco a sud del ponte. Costruito nel 1916 dalla Società Nazionale Officine di Savigliano e ristrutturato nel 2000, è l’unico ponte sul Po con pavimentazione in cubetti di porfido (noti anche come sanpietrini). La sede stradale si presenta da tempo in condizioni precarie, con numerosi avvallamenti causati dal traffico, per cui nel 2013 la Regione Lombardia ha programmato un controllo di questo ponte e degli altri cinque ponti sul Po in provincia di Pavia. È stato inoltre stabilito un limite al passaggio di camion a pieno carico, peraltro da sempre esistente per veicoli con peso superiore alle 30 tonnellate

 

 

14° FotoViaggio Lanca Parco Ticino Bereguardo

14° FotoViaggio Lanca Parco Ticino Bereguardo qui come postazione installerò la mia tenda mimetica. In questa giornata mi hanno fatto visita una Nutria , una famiglia di germani ed in fine una coppia di Cigni. Mi sono fatto scappare per ben due volte il Martin Pescatore Nel rientro non poteva mancare la Macro-fotografia

 

 
 
 

11° FotoViaggio 22-06-2020

Altra giornata passata in compagnia con la Famiglia. Il Parco e sempre L’oasi di Sant’ Alessio come sempre un ottimo punto di riferimento per approcciarsi nella caccia fotografia.

Un grazie per tutti gli sforzi da parte degli operatori del parco….. Grazie 

     F711194

 

 F711232 F711010

Qui la Galleria 11

°FotoViaggio 

10° FotoViaggio Naviglio di Bereguardo

10° FotoViaggio

Giornata del 30-05-20 , l’obbiettivo della 10 giornata è di camminare lungo il Naviglio di Bereguardo.

(qui sotto trovi il percorso)  Una percorso immerso nel verde che merita di esser visitare..

Un grazie a tutte le persone incontrate.

“Naviglio di Bereguardo”

il Naviglio di Bereguardo è uno dei canali artificiali, destinati alla navigazione interna, che sono stati scavati tra il basso Medioevo e il XIX secolo nel Milanese.

Il Naviglio di Bereguardo ha una lunghezza di 18.85 km e una caduta di 24.76 metri viene subito smaltito in massima parte (20.67) dalle conche e solo in misura (4.10) dalla pendenza. La distanza media tra una conca e la seguente è di 1.7km

Carta d’identità

Anno di nascita 1420

Lunghezza 18.85 km

Inizio: castello di Abbiategrasso

Termine: Bereguardo

 F710562

 

Video Tragitto

Screen Recording 20200530-172855

Una incantevole Famigliola 

 

20200530 092607

Non possono maccare le rane e il loro gracidare

20200530 095451

Ora le foto della giornata….